www.immobiliaristavincente.it

TORNA ELENCO ARTICOLI

24/07/2019, 11:12

due diligence, due dligence immobiliare, luca boscardelli, mirko frigerio, MiSE, borsino immobiliare



La-Deu-diligence-nell’immobiliare


 La Deu diligence nell’immobiliare, se ne parla tanto ma sappiamo tutti di cosa si tratta?



L’espressione inglese due diligence (in italiano: dovuta diligenza) indica l’attività di investigazione e di approfondimento di dati e di informazioni relative all’oggetto di una trattativa. 

Il fine di questa attività è quello di valutare la convenienza di un affare e di identificarne i rischi e i problemi connessi, sia per negoziare termini e condizioni del contratto, sia per predisporre adeguati strumenti di garanzia, di indennizzo o di risarcimento.
Operazioni di due diligence:Le operazioni di due diligence ricorrono tipicamente in occasione di acquisizioni/cessioni societarie o aziendali; in caso di emissione di strumenti finanziari (collocamento di azioni o di obbligazioni); in vista dell’acquisto di quote di fondi comuni di investimento (FIA) chiusi da parte di società di gestione del risparmio (SGR), nelle attività di valutazione e stima degli immobili posti a garanzia di esposizioni creditizie, ovvero oggetto di procedure giudiziali, di compravendita, ecc.

In tutti questi casi, le attività di due diligence consistono nella raccolta delle informazioni concernenti l’oggetto della trattativa e nella loro verifica, al fine di esprimere un giudizio sul loro valore di mercato e sul loro possibile rendimento.

L’operazione è svolta da un soggetto terzo rispetto all’offerente e ai soggetti interessati all’acquisto.Tale attività può esser svolta in modo efficace anche per la semplice acquisizione di macchinari e/o impianti industriali.

Modalità:L’attività di due diligence può scandirsi nel corso di fasi diverse della trattativa, potendo avvenire prima, durante o dopo la conclusione dell’affare.

1-La due diligence precontrattuale è focalizzata sui profili salienti della negoziazione; solitamente è intrapresa dal potenziale acquirente e viene svolta in contraddittorio e con la collaborazione del venditore. I suoi esiti influiscono in modo diretto e rilevante sulla scelta di concludere l’affare e sulle sue condizioni (incluse le clausole di garanzia).
2-La due diligence post-stipula e quella pre-closing sono esperite quando già sussiste un vincolo contrattuale che lega le parti, ancorché non definitivo; in questo caso l’attività di indagine è volta a verificare i dati acquisiti e ad orientare le successive trattative.
3-La due diligence post-closing, svolta dopo la conclusione del contratto, è volta a consentire all’acquirente una più approfondita conoscenza del bene acquisito e a verificare la rispondenza di dati o fatti a quanto garantito dal venditore. 

Nella prassi sono diffuse le liste di controllo, cioè l’elenco di informazioni e di dati che il futuro acquirente chiede al venditore di poter consultare.L’omissione della due diligence può essere fonte di responsabilità contrattuale in capo al soggetto che era tenuto a svolgerla.
Profili di analisi. Due diligence nelle operazioni immobiliari:
Nel settore immobiliare la due diligence viene utilizzata dagli investitori istituzionali e precede la fase di acquisto di un immobile, di un credito (Non performing loan - NPL) o di una cartolarizzazione (pacchetto di immobili o di crediti). La due diligence è un’attività espressamente prevista dal Codice delle Valutazioni Immobiliari ’ Italian Property Valuation Standard (2018) al capitolo 15 sulla "Valutazione degli immobili a garanzia dei crediti deteriorati (NPL)" poiché necessaria, tra l’altro, per:
- identificare le caratteristiche degli immobili oggetto delle valutazione;
- comprendere la provenienza e l’effettiva alienabilità e commerciabilità dei beni;
- identificare le modalità appropriate della valutazione degli asset posti a garanzia del credito ("collateral");

La due diligence comprende attività di carattere:legale: verifica della documentazione come atto di provenienza, visure catastali, esame delle trascrizioni pregiudizievoli come ipoteche volontarie e giudiziali, contratti (es. locazioni);tecnico/progettuale: rispondenza dello stato di fatto alla planimetria depositata (abusi, condoni, sanatorie), consistenza della qualità e dello stato dell’edificio, valutazione dei costi e dei tempi necessari all’adeguamento dell’immobile (riparazioni, rifacimenti, cambio d’uso o riqualificazione). 

Questa analisi comprende agli aspetti ambientali, l’impiantistica ed alla struttura dell’immobile;economica: valutazione dell’immobile riguardo all’uso attuale e potenziale, rispetto alla zona dove è collocato ed all’andamento del mercato di riferimento (residenziale, uffici, commerciale o industriale); finanziaria (nel caso di acquisto crediti): possibilità di recupero del credito in termini di tempo necessario al completamento della procedura, quantità e costi da anticipare.

Apparirà chiaro a tutti Voi come una due diligence si inserisca perfettamente nelle operazioni quotidianamente svolte dal buon mediatore immobiliare professionale, e che per questi professionisti nulla di nuovo si presenti all’orizzonte se non il termine inglese.

Ma, e qui mi rivolgo ai consumatori, verificate di rivolgervi a mediatori abilitati e regolarmente registrati presso le Camere di commercio sotto l’Ateco 68.31, diversamente non potrete aspettarvi nulla di buono o per lo meno di legale.

Insomma niente di nuovo per Voi professionisti Abilitati, ora lo sapete!

#BuoneAcquisizioni a tutti!www.agentiimmobiliariabilitati.it - www.LucaBoscardelli.it#LucaBoscardelli #superconnettore


1

#ImmobiliaristaVincente è proprietà di Luca Boscardelli via D. A. Fumano 12, 37069 Villafranca di Verona (VR) P.iva 04731420235

 

PRIVACY POLICY INFORMAZIONI RELATIVE ALLA PRIVACY POLICY DEL SITO

Create a website